martedì 20 novembre 2018

Benvenuti al nostro angolo
Intervista Alice Steward






















1) Da dove è nata la tua passione per la scrittura?

Ho cominciato per caso. Nella vita sono sempre stata un’accanita lettrice e assidua frequentatrice di gruppi letterari. Un giorno partecipai a un concorso organizzato da alcune amiche, nel quale si doveva, tutte insieme, scrivere un romanzo. Ognuna aveva il compito di scriverne una parte. Il mio pezzo piacque tantissimo e fui esortata a scrivere ancora.

2) Cosa ascolti mentre scrivi?

Mentre scrivo amo ascoltare una raccolta musicale di Youtube molto varia, Alicia Keys, Sade, Jamiroquai, Ella Fitzgerald, ma anche Nirvana e Pino Daniele.

3) Quanto di te metti nelle tue opere?

Credo che ogni scrittore quando scrive, immagina i personaggi e sviluppa le trame dei romanzi, lo faccia mettendoci qualcosa di proprio. I miei romanzi non sono autobiografici, però in ogni personaggio femminile o maschile e nelle loro storie si annida certamente qualcosa di Alice.

4) Il genere che preferisci scrivere?

Dopo aver provato un po' tutti gli ambiti letterari posso dire che il genere che preferisco scrivere e nel quale mi muovo con maggiore disinvoltura è senza dubbio il genere rosa. Ma non disdegno anche la spy story e il thriller.

5) Il libro che ti ha dato coraggio per buttarti nel mondo della scrittura?

La mia prima opera è stata “Desiderio Incontrollabile”. A mio parere, un’opera di modesto valore nella quale però ho sperimentato molto e che incredibilmente ha venduto tantissimo attraverso la piattaforma Amazon, tanto da rimanere per diversi mesi ai vertici della classifica “erotici”. Ma è stata la mia seconda opera, la duologia “Love Affair”, due romanzi ambientati nelle aule dei tribunali statunitensi, che avevo cominciato a pubblicare sul mio blog riscontrando un enorme successo di visualizzazioni, a convincermi a provare nel mondo della scrittura e a farlo con serietà e professionalità.

6) Cosa preferisci: discorso diretto, indiretto, entrambi?

Prediligo il discorso diretto perché trovo che i dialoghi fra i personaggi, soprattutto se arguti e brillanti, diano vivacità alla storia.

7) Cosa ti aiuta quando ti blocchi con la scrittura?

Quando vengo colpita dal cosiddetto “blocco dello scrittore” ne esco, di norma, smettendo di scrivere e cercando stimoli nella vita reale, fra la gente che popola la mia vita quotidiana. Mi aiuta molto anche chiacchierare con le mie amiche, che mi agevolano a trovare stimoli per argomenti e situazioni originali.

8) Hai una beta reader per le tue storie?

Sì, ho la fortuna di avere un'amica che si è offerta tempo fa di farmi da beta reader e non solo, spesso legge in anteprima brani dei miei romanzi e mi rivolge “dritte” importanti.

9) Il primo libro letto?

Il mio primo libro letto è stato “Tre uomini in barca” di Jerome Kapla Jerome, un libro ironico, spassoso e divertente, avevo circa nove anni e da allora non mi sono più fermata.

10) Il tuo libro preferito?

Alcuni dei miei libri preferiti sono la Nausea di Jean Paul Sartre e L'Attenzione di Alberto Moravia.

Grazie a Alice per la bella chiacchierata!

lunedì 19 novembre 2018

Benvenuti nel nostro angolo

Intervista Ilas Colli



1) Da dove è nata la tua passione per la scrittura?


La mia passione per la scrittura nasce in tenera età. Come un po' tutte le bambine avevo il mio diario segreto che custodivo molto gelosamente nel comodino, poi col tempo, ho iniziato a scrivere filastrocche e racconti brevi, e farlo mi divertiva, mi faceva sentire libera e soprattutto leggera e ancora oggi è così! Crescendo sono cambiata, ho diversificato i temi trattati, la "mia mano" ha raggiunto maggiore consapevolezza, ma quello che non è cambiato, e che spero non cambierà mai, è che scrivere mi fa stare bene. È il mio mezzo di sfogo e svago, e mi permette di condividere le mie emozioni con gli altri, anche quelle che non riuscirei a esprimere a voce. Toccare il lettore, farlo piangere o ridere, lasciare qualcosa dentro di lui, portarlo alla riflessione, sono questi motivi principali, oltre alla passione personale, che mi spingono a scrivere.

2) Cosa ascolti mentre scrivi?

Non sempre ascolto musica mentre scrivo, ma se sono in vena accendo Spotify e riproducono vari album soft o comunque composti da brani rilassanti e leggeri come, "Un caffè e un libro", "Fine giornata"e altri su questo genere, ma adoro anche gli assoli di piano.

3) Quanto di te metti nelle tue opere?

Nelle mie storie c'è tantissimo di me. Mi piace raccontare alcuni fatti realmente accaduti, questi possono essere fedeli alla realtà o essere rielaborati, ma ci sono, e se per genere non posso raccontare un esperienza diretta allora di sicuro rappresenterò le emozioni che ho provato nel farle.

4) Il genere che preferisci scrivere?

Rosa in ogni sua sfumatura. Può essere un mafia romance, un paranormal, un erotico e pure un thriller o un poliziesco, ma l'amore sarà sempre il protagonista onnipresente!

5) Il libro che ti ha dato coraggio per buttarti nel mondo della scrittura?

In realtà scrivo da piccola e diciamo che la spinta necessaria a condividere le mie storie con gli altri è arrivata grazie a dei concorsi amatoriali che mi hanno fatto credere un po' di più in me stessa.

6) Cosa preferisci: discorso diretto, indiretto, entrambi?

Entrambi. Dipende molto dal contesto.

7) Cosa ti aiuta quando ti blocchi con la scrittura?

Affronto in due modi i periodi di crisi da pagina bianca, o stacco la spina per un po' e quindi mi fermo e vivo, lasciando che la mente si rilassi ed elabori nuove idee, oppure leggo... e tanto!

8) Hai una beta reader per le tue storie?

Sì, certo! Ho un amico che legge le storie in anteprima e mi dà un primo punto di vista e altre due care amiche a cui racconto la storia in ogni dettaglio e mi aiutano a scegliere le forme migliori quando impazzisco su una frase. Ma solo loro, il resto delle persone che mi conosce nemmeno lo sanno che scrivo!  

9) Il primo libro letto? 

Da piccina leggevo tante favole e fumetti, ma la prima vera e propria storia è stata un grande classico per ragazzi, "Il piccolo principe".

10) Il tuo libro preferito? 

Conservo nel cuore molti libri, alcuni per le emozioni che mi hanno regalato, altri per gli insegnamenti che mi hanno lasciato... in assoluto però, sono tre i libri che mi sento di nominare perché mi hanno migliorata come persona e sono tutti grandi classici: "I dolori del giovane Werther" e "Affinità  elettive" del grande genio Johann W. Goethe e "Il ritratto di Dorian Gray" del meraviglioso Oscar Wild.


Grazie a Ilas per la bella chiacchierata! 
  

domenica 18 novembre 2018

Benvenuti nel nostro angolo

#CoverReveal



Titolo: Innocent Demons- Legami di cuore Vol. 2
Autore: B. Tiana Lorena
Genere: Fantasy
Editore: Self – publishing.
Data di pubblicazione: 26 Novembre 2018 (e-book + cartaceo) 
Prezzo: Da definire.
Disponibile solo su Amazon e nel programma Kindle Unlimited.
Progetto grafico a cura di: SP Graphic Design


Sinossi

In un mondo morente, completamente inghiottito dal male non si può fuggire dal passato, per quanto oscuro possa essere, tornerà sempre, ma forse stavolta si presenterà nella loro vita in una lotta, con l’ignoto. Una battaglia difficile che metterà in pericolo tutto il gruppo e soprattutto i legami che gli unisce. Una lotta con loro stessi, fatta di legami e violenza, sentimenti e trappole. Non basteranno le armi per farsi strada tra i pericoli: I gemelli dovranno scontrarsi, oltre che con un nuovo nemico, con la loro identità. Ad intrecciarsi con la guerra e con l'amore che avrà un ruolo importante per chiarire quanto importante sia la vita e la fiducia. Ma saranno disposti a fermarsi e lasciarsi andare, abbandonando il terrore di soffrire, liberando le emozioni che tanto li spaventa o si ritroveranno intrappolati in un mondo dove a tutti e stato rubato il lieto fine.

sabato 17 novembre 2018

Benvenuti nel nostro angolo

#Cover reveal

L'immagine può contenere: cibo


Titolo: L'amore è per noi
Autrice: Francesca D'Isidoro
Casa Editrice: Edizioni IlViandante
Data di pubblicazione: 29 novembre 2018 (ebook)
Numero di pagine ebook: 220 (comprende la novella “Tutto questo è amore”
Numero di pagine cartaceo: 149 
Prezzo ebook: € 0,99 (offerta lancio fino al 25 dicembre)
Prezzo cartaceo: €9,99
Genere: Contemporary Romance

Sinossi:

Alessio è un ragazzo sulla trentina, bello, ricco e di successo. Ma ha commesso un grande errore: si è lasciato sfuggire la donna della sua vita, Vittoria, per sposarne una che non ama, anzi disprezza. D'allora, non c'è stato giorno in cui non si sia pentito della sua scelta. Vittoria, nel frattempo, si è rifatta una vita altrove ed è felice con un altro uomo. Il destino però, si sa, alle volte ti concede un'altra occasione. Tra esilaranti battibecchi, fortuite coincidenze, amici stravaganti che non vedono l'ora d'intromettersi e altre rocambolesche avventure, Alessio tenterà di riconquistare il cuore dell'unica donna che abbia mai amato. Perché un uomo, quando è innamorato, sa essere più tenace di cento donne messe insieme...



venerdì 16 novembre 2018

Benvenuti nel nostro angolo


TITOLO: In a Legend Disclosure
AUTORE: A. & V. Enelyn
EDITORE: GDS
GENERE: Fantasy
PREZZO: Ebook 2.99 - Cartaceo 19.90

In A Legend Disclosure di [A & V. Enelyn]

Sinossi

E se una semplice leggenda stravolgesse il tuo futuro?
Cresciamo educati e abituati ad una realtà poco piacevole con princìpi ben precisi, dove sogni e fantasia, col tempo, diventano sacrificabili.
Ma se fossimo noi a reprimere ciò che è realmente il nostro animo?
Se una forza straordinaria si nascondesse dentro ognuno di noi, in attesa di essere scoperta, usata... o sfruttata?
Josephine Seawater si ritiene una ragazza forte. I suoi amici, zia Lely e un carattere diffidente: ciò che si ritrova ad avere dalla morte di sua madre. Ma quando la sua realtà verrà inondata da bugie e le sue debolezze riemergeranno dagli abissi del passato, la sua vita vacillerà. Chi le starà vicino? A chi si aggrapperà stavolta?
Occhi travolgenti e mari in tempesta popolano i suoi sogni.
Mancanze, ostacoli e sentimenti metteranno a dura prova le sue scelte.
Invasa da problemi futili e da un padre, partito per lavoro, che si ripresenta nella sua vita, portando con sé un’assurda rivelazione, è del tutto ignara di come la sua vita cambierà da un incontro che lei ritiene casuale, demolendo tutto ciò in cui crede. E capirà che incubi e strane coincidenze sono solo l'inizio.
E se questi sogni potessero diventare realtà?


Recensione

Una storia molto carina, anche se è poco scorrevole, devo dire che la storia merita di essere letto.
E' la storia di Jose una ragazza comune come tutte noi, con i suoi problemi e le sue preoccupazioni. Ha perso la madre in un incidente e suo padre dal dolore decide di accettare un lavoro e di trasferirsi a Miami. Un giorno al rientro a casa trova suo padre con la sua nuova compagna e le dice che si sta per sposarsi. Si fa convincere dall'amica Sam e insieme partono a Miami. Lì incontra Aiden un ragazzo affascinante e misterioso che si scopre che sarà il suo fratellastro. Oltre a questo, Jose scopre che lei ha dei poteri, il potere dell'acqua e da allora la sua vita cambierà per sempre.
Purtroppo ho litigato molto con Jose che ha un carattere forte e determinato, ho amato Aiden e Drake e ho adorato Sam.
All'inizio la storia scorre molto lentamente, in questo modo le autrice ci permettono di comprendere ogni singolo personaggio e di conoscerlo bene. Con la parte finale la storia diventa molto movimentata, il finale mi ha fatto molto piangere. 
Durante la storia le autrici mi hanno spinto a pormi molte domande e a collegare i personaggi e a cercare di capire il vero nemico di Jose. Mi piace molto l'idea che i poteri escono fuori quando un sentimento viene amplificato rispetto agli altri, davvero una bella idea.
Lo consiglio a chi ama il fantasy.

Vi lasciamo con un estratto

Forse Aiden ha ragione, forse ho abbattuto il muro, ma cosa ne sarà delle macerie?
Si trasformeranno in un castello di sogni o lasceranno la polvere che lascia un palazzo appena crollato?

Benvenuti nel nostro angolo



Titolo: Dieci giorni per vivere 
Autore: Noemi Storzillo
Editore: Self
Genere: Narrativa
Prezzo: Ebook 2.99 - Cartaceo 12.99

Dieci giorni per vivere di [Storzillo, Noemi]


Sinossi
Bessie ha solo diciannove anni ma le resta ben poco da vivere, solo dieci giorni.
Eppure la ragazza non è malata, anzi gode di ottima salute ma purtroppo il suo destino è già scritto; la clessidra, sul comodino accanto al letto, segna chiaramente quanto tempo le resta prima di morire e il suo incedere incessante le ricorda costantemente che il tempo vola e che niente e nessuno può fermarlo. Bessie trascorre ben diciannove anni della sua vita allontanandosi da tutti e rinchiudendosi in se stessa ma solo quando mancano pochissimi giorni al suo decesso, solo quando si rende realmente conto di quanto prezioso è il tempo che le resta, la ragazza decide che è giunta l'ora di vivere, di vivere per davvero.



Recensione
Quando ho iniziato a leggere questa storia già mi aspettavo il finale, infondo il titolo parlava chiaro, ma non mi aspettavo che l'autrice avesse creato un mondo dove quando nasciamo, noi sappiamo già l'ha data di quando moriamo ed è qui che mi sono posta della domande.
Se io sapessi la data di quando sarei morta, come mi sarei comportata? Come avrei reagito? E cosa avrei fatto?
Bessie una ragazza che aveva abbandonata ogni speranza, a causa della sua imminente morte. Aveva deciso, all'inizio, di abbandonare i suoi sogni, le sue amicizie, proprio per non farli soffrire, ma guardando la clessidra e la scadenza che si avvicinava, si rese conto che se si sarebbe lasciata andare in questo modo, avrebbe avuto molti rimpianti. Quindi decide di dare una svolta alla sua vita e di fare cose che ha sempre voluto fare, ma che non aveva il coraggio di farlo. Incontra Cris, un ragazzo dal sorriso splendente e con un lutto doloroso alle spalle.. e uno sguardo misterioso. Bessie insieme a lui comince a vivere la vita a pieno, e si rende conto che per tutti quei anni ha sprecato tante cose... e che non l'avrebbe più permesso. 
Mi ero fatta un idea sul finale, ma che non analizzo altrimenti uscirà lo spoiler.
Una storia molto carina da leggere e che ti fa riflettere molto, lo consiglio di leggerlo.


Vi lasciamo con un estratto
Mi chiedo spesso come abbia potuto sprecare per così tanti anni il tempo concessomi dalla clessidra. Perché non mi sono mai resa conto di quanto prezioso fosse? 
Come ho potuto essere tanto egoista verso la vita? Ho trascorso sette giorni magnifici e intensi e ho fatto tesoro di ogni secondo. Se solo avessi vissuto così intensamente ogni singolo giorno della mia vita, forse ora avrei meno rimorsi ma tornare indietro non si può. Ho praticamente trascorso diciannove anni assistendo come spettatrice silenziosa ad un film spettacolare chiamato "vita" senza mai diventarne protagonista, senza rendermi conto che anche un semplice fenomeno come respirare significasse vivere, senza accorgermi di quanto il tempo che avevo a disposizione fosse infinito e di come abbia firmato la mia condanna lasciando scorrere tutti questi anni senza riuscire ad apprezzarne l'importanza. Ho preferito rimanere seduta ad osservare questo spettacolo senza mai alzarmi e tuffarmici a capofitto per poter vivere in prima persona ogni evento, ogni sensazione, perché rimanere fermi senza lottare è la via più semplice.Ho trascorso la mia intera esistenza desiderando qualche anno in più da poter vivere, al punto da trascurare gli infiniti anni che avevo a disposizione, nell'ingordigia di volerne ancora fino a lasciarmi cadere in uno stato di abbandono totale.Se quella palla di neve non mi avesse colpita quel mattino di sette giorni fa, forse ora starei ancora seduta ad osservare inerme la vita scorrermi davanti agli occhi fino al giorno in cui sarei morta, senza aver mai dato uno scopo alle mie azioni e invece oggi sono qui, forse perché era già scritto nel destino o forse perché ho avuto la forza di alzarmi e combattere contro le mie angosce, pronta a sfoderare gli artigli per aggrapparmi a quel briciolo di vita che mi resta e Dio solo sa quanto mi impegnerò affinché questa accada. Ho vissuto una vita di sbagli e adesso sono pronta a rimediare.


Letizia Romano




giovedì 15 novembre 2018

Benvenuti nel nostro angolo


Intervista Susy Tommasiello

Domande:

1) Da dove è nata la tua passione per la scrittura? 

2) Cosa ascolti mentre scrivi? 

3) Quanto di te metti nelle tue opere? 

4) Il genere che preferisci scrivere? 

5) Il libro che ti ha dato coraggio per buttarti nel mondo della scrittura 

6) Cosa preferisci: discorso diretto, indiretto, entrambi? 

7) Cosa ti aiuta quando ti blocchi con la scrittura? 

8) Hai una beta reader per le tue storie? 

9) Il primo libro letto? 

10) Il tuo libro preferito? 


Risposte 

1) La passione per la scrittura è nata tra i banchi di scuola. Mi è sempre piaciuto scrivere i temi, una volta a casa approfondivo sul mio diario segreto e col passare del tempo, ho cominciato a scrivere piccole storielle per me. In seguito ho iniziato a scrivere i finali dei film che non mi piacevano fino poi a scrivere vere e proprie storie e adesso posso dire con tranquillità che non riuscirei a stare senza scrivere come non riesco a stare senza leggere.

2) Contrariamente a molte autrici che conosco, non mi piace ascoltare musica mentre scrivo, mi distrae troppo. Preferisco invece circondarmi da tanto silenzio e dare libero sfogo alla fantasia.

3) Cerco di mettere soprattutto le ambientazioni mie per fare in modo di scrivere qualcosa che conosco bene, nelle mie protagoniste c'è qualcosina di mio ma non tanto perché mi piace che siano completamente nuove e tutte da scoprire.

4) Il mio genere preferito è il rosa in tutte le sue forme perché è anche il mio genere preferito quando leggo.

5) Ce ne sono tantissimi, ogni volta imparo qualcosa dai libri che leggo quindi non saprei dirne solo uno. La cosa bella della scrittura è che non si finisce mai di imparare, c'è sempre qualcosa da migliorare.

6) Il discorso indiretto mi piace pochissimo infatti lo uso molto poco a meno che non sia strettamente necessario, mentre preferisco quello diretto perché adoro i dialoghi.

7) Un vero e proprio blocco non l'ho mai avuto, ma quando mi capita per stanchezza mi prendo una piccola pausa e funziona sempre.

8) Ho delle care amiche che mi aiutano si e ne sono molto felice.

9) Il libro Cuore. Un libro meraviglioso che conservo ancora oggi e di cui conservo un ricordo bellissimo.

10) Uno solo? Bhe se devo fare una scelta anche se è complicatissimo dico lui il mitico Orgoglio e Pregiudizio di Jane Austen.

Grazie a Susy per la piacevole chiacchierata.