martedì 15 gennaio 2019

Benvenuti nel nostro angolo

Titolo: Settante acrilico trenta lana
Autore: Viola Di Grado
Editore: e/o
Genere: Narrativa
Prezzo: Ebook 7.99 - Cartaceo 9.00


Sinossi
Camelia vive con la madre a Leeds, una città in cui «l'inverno è cominciato da tanto tempo che nessuno è abbastanza vecchio da aver visto cosa c'era prima», in una casa assediata dalla muffa accanto al cimitero. Traduce manuali di istruzioni per lavatrici, mentre la madre fotografa ossessivamente buchi di ogni tipo. Entrambe segnate da un trauma, comunicano con un alfabeto fatto di sguardi. Un giorno però Camelia incontra Wen, un ragazzo cinese che lavora in un negozio di vestiti e che le insegna la sua lingua. Saranno proprio gli ideogrammi ad aprire un varco di bellezza e mistero nella vita di Camelia, attribuendo nuovi significati alle cose. Camelia si innamora di Wen, ma lui la respinge nascondendogliene il motivo. E c'è anche il bizzarro fratello di lui, ossessionato dall'oscura morte di Lily, un'altra studentessa di Wen…

Recensione
Viola Di Grado è una vera scoperta. Il suo modo di scrivere è profondamente affascinante, ne sono rimasta inizialmente sconvolta, e poi rapita fino a terminare il suo libro in solo un paio di giorni. La protagonista, Camelia, vive quasi del tutto nascosta in casa insieme a sua madre che, traumatizzata dalla morte del marito, ha completamente abbandonato la parola e la cura di se stessa. Non facciamo altro che respirare il disagio, la tristezza, la depressione di queste due donne diverse, ma con lo stesso trauma alle spalle. La narrazione è molto descrittiva, fatta di immagini vivide per quanto ogni riferimento riporti sempre al tempo grigio e piovoso che accompagna quasi tutta la storia. Le descrizioni sono semplici e al tempo stesso così profonde, ben piazzate, intriganti, che pare di stare dentro “La persistenza della memoria” di Salvador Dalì. Cruda, eppure delicata nel suo modo di raccontarci l’evoluzione di questa depressione costante, Viola ci accompagna sempre più nel profondo tramite l’utilizzo dei caratteri cinesi, il loro studio, il loro modo di svelare l’essenza delle cose.
Una lettura che consiglio a chi ama le storie tristi, malinconiche, a chi non ama il lieto fine a tutti i costi.

Voto: 4/5

Vi lasciamo con un estratto
Fuori, nel bel mezzo di un’aiuola striminzita, mi aspettava un papavero. Forse dovrei dire che era stupendo. Era tremendamente rosso, superava il concetto di rosso. Il suo gambo tagliava l’aria perfetto, alto e verdissimo, i suoi petali si spalancavano al sole come cosce, scivolavano sinuosi dalla corolla gonfia e sbaciucchiata dalle api.
Cosa gli dava diritto di essere così bello? Cosa dà alla natura il diritto di cospirare costantemente contro la bruttezza, di allungare braccia rampicanti sulle case degli uomini, di riesumare dalla gola secca dell’inverno inglese un papavero come quello? Sbriciolai la sua salma sotto i miei anfibi.

Claudia Simonelli

Benvenuti nel nostro angolo 

Titolo: Possession: Ascesa
Autore: Valentina C. Brin
Editore: Self
Genere: Narrativa storica
Prezzo: Ebook 2.99 - Cartaceo 13.52


Sinossi
Londra, 1680. Per il giovane Charles Rochester, marchese di Bolton ed erede del duca di Norfolk, desiderare un uomo è inaccettabile: la feroce attrazione che il nuovo servo suscita in lui deve essere soffocata a qualunque costo. Tuttavia non è facile costringere il cuore a tacere quando coloro che dovrebbero comprenderti ti tradiscono e l'unica persona leale sembra essere la sola da cui cerchi disperatamente di scappare. Per Dorian Pratt, invece, non c'è speranza: capisce subito di essere perduto non appena posa gli occhi sul suo signore. Sa bene che non potrà mai averlo, eppure impedire al proprio corpo di reagire in sua presenza sembra essere impossibile.
Quando i pericolosi segreti nascosti tra le mura di Norfolk House vengono a galla, tutto precipita. C'è solo un modo in cui Charles può sperare di tenere Dorian con sé, ma per poterci riuscire deve essere pronto a sacrificare il valore più importante che Dio gli ha donato: la propria umanità.
I torti non si perdonano e per il sangue versato c'è sempre un prezzo da pagare.


Recensione
Questo libro lo divorato in pochi giorni, e mi è piaciuto molto.
La storia narra di due ragazzi che vivono in un epoca piena di pregiudizi, narra di un'attrazione fatale di questi due ragazzi e di come sia difficile accettare questi sentimenti.
Parla di Dorian Pratt una ragazzino che ha vissuto lì'intera vita in un orfanotrofio, pieno di sogni e speranza, buono e gentile e intelligente che crede nel prossimo e nell'essere umano, venne preso come servo a Norfolk House e li posa gli occhi su Charles Rochester e da quando pose lo sguardo su di lui comprese di essere perduto. Charles Rochester invece si è sempre sentito oscuro e quando incontra Dorian comprende di provare una forte attrazione nei suoi confronti. Lui non accetta questo sentimento e cerca di sfuggire in ogni modo, ma come si il corpo può scappare, ma la mente e il cuore è sempre li ferma.
Una storia molto coinvolgente e ti fa rimanere con il fiato sospeso.
Valentina Brin è bravissima ha descrivere il desiderio, l'attesa, la paura di andare. Le scene di sesso sono ben descritto e coinvolgenti. Mi piace molto i personaggi Dorian è il mio preferito, ma Charles e le sue sfumature.. è perfetto, mi piace il suo modo in cui si evolve come diventa sempre più oscuro e più convinto di andare sulla giusta strada e il suo modo di farsi vedere forte e poi quando sa da solo diventa debole e insicuro. 
Possession lo consiglio a tutti di leggerlo

Vi lasciamo con un estratto

Sento di non avere controllo quando gli sono vicino. Sono come una foglia in balìa del vento: mi muovo quando si muove lui. Lui parla e io salto, lui cammina e io perdo lucidità. Lo ammetto, sono maldestro, ma quando capito nelle sue vicinanze…Non voglio sperare, né desidero illudermi. Maledizione, sono terrorizzato dall’idea di illudermi!

Letizia Romano

lunedì 14 gennaio 2019

Benvenuti nel nostro angolo

Titolo: Sostiene Pereira
Autore: Antonio Tabucchi
Editore: La biblioteca di Repubblica
Genere: Narrativa 
Prezzo: Cartaceo 15.00


Sinossi
Agosto 1938. Un momento tragico della storia d'Europa, sullo sfondo del salazarismo portoghese, del fascismo italiano e della guerra civile spagnola, nel racconto di Pereira, un testimone preciso che rievoca il mese cruciale della sua vita. Chi raccoglie la testimonianza di Pereira, redatta con la logica stringente dei capitoli del romanzo, impeccabilmente aperti e chiusi dalla formula da verbale che ne costituisce il titolo: Sostiene Pereira? Questo non è detto, ma Pereira, un vecchio giornalista responsabile della pagina culturale del "Lisboa" (mediocre giornale del pomeriggio) affascina il lettore per le sue contraddizioni e per il suo modo di "non" essere un eroe.

Recensione
Questa lettura ha toccato profondamente la mia anima.
Peraira è un buon giornalista del Lisboa, con una vita regolare e tranquilla.
Ma l'incontro con Monteiro Rossi sconvolgerà Peraira, portandolo ad aprire gli occhi per la prima volta.


 Vi lasciamo con un estratto

[...] l'evento è un avvenimento concreto che si verifica nella nostra vita e che sconvolge o che turba le nostre convinzioni e il nostro equilibrio, insomma l'evento è un fatto che si produce nella vita reale e che influisce sulla vita psichica, lei dovrebbe riflettere se nella sua vita c'è stato un evento.
Sostiene Pereira. Una testimonianza, Antonio Tabucchi

Maria Capasso

Benvenuti nel nostro angolo

Titolo: "Ho sempre voluto che ammiraste il mio digiuno" ovvero, guardando Kafka
Autore: Philip Roth
Editore: Einaudi
Genere: Narrativa contemporanea
Prezzo: Ebook 6.99 - Cartaceo 6.80


Sinossi
È l'estate del 1923 quando in due stanze in un sobborgo di Berlino una nuova coppia dà inizio al suo futuro comune. Lei si chiama Dora Dymant, lui Franz Kafka, e quello è l'ultimo anno della sua vita. Prima di allora ci sono state altre due brave ragazze ebree nella vita di Kafka, Felice e Julie, poi la passionale, anticonformista Milena. Ma lui è già "sposato con l'angoscia a Praga" e un altro matrimonio non ci sta. È solo con la giovane Dora che Kafka, avvicinandosi alla fine, riesce a svincolarsi dalla città nativa e a pensarsi, seppur per poco, libero di amare. E se fosse sopravvissuto alla tubercolosi che lo condusse a morte precoce? Se addirittura fosse scampato all'olocausto che si prese tutte le sue sorelle, rifugiandosi all'estero, magari in America, magari in un'accogliente comunità ebraica? Cosa sarebbe accaduto se il cantore di ogni forma di assoggettamento, vincolo, coercizione fosse riuscito a sfuggire? Quali inediti appagamenti il Nuovo Mondo delle mille possibilità avrebbe potuto riservargli? Philip Roth immagina per noi lo scenario e, incrociando quell'orizzonte letterario e umano al proprio, dà vita a una piccola gemma di lucidità critica e insieme di spassoso estro narrativo.

Recensione
Guardando Kafka, Philip Roth.
Questo libricino è un delicato omaggio a Kaka, diviso in due parti.
Nella prima parte Roth racconta e commenta il rapporto di Kafka con le donne.
Nella seconda parte del testo, Roth immagina che nel 1942 il suo professore di ebraico sia Franz Kafka.
Roth ha elaborato su carta una versione del "Se Kafka fosse?"


Vi lasciamo con un estratto

"Semplicemente non è dato che Kafka possa mai diventare il Kafka - perdinci, sarebbe ancora più strano di un uomo che si trasforma in un insetto. Nessuno ci crederebbe, men che meno Kafka"

Maria Capasso

sabato 12 gennaio 2019

Benvenuti nel nostro angolo

Intervista a Marilena Boccola


1)Da dove è nata la tua passione per la scrittura?
La mia passione per la scrittura nasce innanzitutto dall’amore per la lettura. Sono da sempre una appassionata lettrice e a un certo punto mi è scattato qualcosa: il desiderio di cimentarmi a mia volta prima in racconti e poi in un romanzo che, a questo punto, sono diventati dieci perché “Lezioni d’amore per principianti” è proprio il mio decimo libro pubblicato.

2)Cosa ascolti mentre scrivi?
Mentre scrivo preferisco il silenzio perché ho bisogno di concentrazione però la musica che ascolto in macchina o nelle cuffie mentre vado a camminare nella natura solitamente è
quella che fa da colonna sonora al romanzo che sto scrivendo in quel momento. Nel caso dell’ultimo romanzo, mi hanno ispirato le canzoni del cantautore Diodato.

3)Quanto di te metti nelle tue opere?
Credo che ci sia tutto di me nelle mie opere. Senz’altro i miei valori e il mio modo di affrontare la vita. Chiaramente, i personaggi non sempre mi assomigliano, anzi! Per uno
scrittore è bello cimentarsi anche nella caratterizzazione di personaggi molto diversi da se stessi. Si tratta di un vero e proprio esercizio di stile che richiede di guardare il mondo da
un punto di vista diverso dal proprio.

4)Il genere che preferisci scrivere?
Sicuramente il romance. Finora ho scritto romanzi contemporanei ma attualmente mi sto cimentando nella scrittura di un romanzo storico ambientato nell’epoca Regency in collaborazione con Dri Editore.

5)Il libro che ti ha dato coraggio per buttarti nel mondo della scrittura​?
Non saprei dire il titolo però si trattava sicuramente di un romanzo rosa che in qualche modo mi ha deluso. Ho iniziato a scrivere proprio facendomi guidare da quello che avrei voluto leggere.

6)Cosa preferisci: discorso diretto, indiretto, entrambi?
Il discorso diretto, le battute anche spiritose tra i protagonisti mi piacciono molto e qualcuno una volta mi ha anche detto che si tratta del mio punto di forza. In “Lezioni d’amore per principianti” ce ne sono diverse, soprattutto tra il protagonista
maschile e il suo compagno di università piuttosto libertino.

7)Cosa ti aiuta quando ti blocchi con la scrittura?
Quando mi blocco, mi aiuta mettermi davanti al pc e provarci comunque. Non credo molto nell’ispirazione, o meglio, credo nell’intuizione che dà l’imput iniziale, ma le storie si scrivono con il costante esercizio.


8) Hai una beta reader per le tue storie?
Sì, solitamente mi rivolgo a un’amica anch’essa scrittrice con la quale mi confronto costantemente.

9)Il primo libro letto?
Il primo libro che ho letto è stato Piccole donne e credo che mi abbia segnato per sempre! Me l’aveva regalato mia zia Rosy in occasione della prima comunione e credo proprio di dovere a lei il mio amore viscerale per la lettura.

10)Il tuo libro preferito?
Una volta avevo tracciato una classifica dei miei dieci libri preferiti ma riguardandola a distanza di tempo mi sono accorta che era cambiata. È difficile rispondere a questa domanda per chi legge molto. Potrei dire “Venuto al mondo” di Margaret Mazzantini ma sarebbe ingiusto nei confronti di tanti altri libriche ho letto negli anni. Ogni libro che ho amato, a suo modo, mi ha lasciato qualcosa e può dirsi il mio preferito.

Grazie a Marilena per la chiacchierata

Benvenuti nel nostro angolo

Segnalazioni


Sinossi
L’uomo è pesante e gretto. Ha mani da scaricatore di porto e non sa niente di musica. È entrato nella soffitta poco dopo la morte del bisnonno, ma solo per vedere se poteva sgraffignare qualcosa.
Il violino era lì, e sembrava lo aspettasse. Nascosto, ma non poi così bene. Paziente, da anni. In attesa…
Quando l’uomo lo afferra, tutto cambia.
Tra le calli di Venezia e il lento fluire dell’acqua del Canale, cominciano a diffondersi note suonate con maestria. Qualcuno sta tornando, piano, in punta di piedi. Sta riprendendo vita, e lo fa impossessandosi di quella dell’uomo. E mentre le note della Sonata a Kreutzer sfociano nell’Adagio, l’identità dell’uomo si spacca, andando in frantumi come uno specchio.
L’ultima Sonata è la storia di una trasformazione, di un ritorno che ha il sapore di una rivalsa, di un antico dolore mai sepolto che chiede a gran voce una rivincita.




Sinossi
Lei, Sally, è un tipo originale. Di lavoro dipinge cani e gatti.
Lui, Matteo, è un fisico, ricercatore rinomato, appena tornato in Italia dopo anni al CERN di Ginevra.
Lei, Peggy, è una bastardina piccola e vivace, pronta in ogni momento a farsi valere.
Lui, Thor, è un grosso pastore bernese, giovane e scatenato, che solo Peggy è capace di tenere a bada.
Tutti e quattro si incontrano per caso sulle montagne di Gressoney, dove incomincia un’amicizia (o forse un amore) che continuerà con qualche malinteso tra Milano e Parigi e con esiti inaspettati a Londra.
Non mancano le amiche scatenate, un amico gay in difficoltà, un paio di padri invadenti e un lieto fine assicurato.
Perché a Sally, con Matteo, piace farlo.


Sinossi
Come ho fatto a credere di poter acconsentire con tanta leggerezza a una tale insensata richiesta?
È quello che si chiederebbe chiunque, non solo Massimo, se un’amica d’infanzia, di
colpo riapparsa dal passato, lo supplicasse di insegnargli tutto quello che c’è da sapere
sul sesso e lui si fosse fatto convincere ad accettare.
Quale potrà mai essere il motivo dell’insolita richiesta di Amalia?
Be', tanto per cominciare, la ragazza è inesperta e teme di non essere all'altezza di
Alessio, quel figo pazzesco di cui si è innamorata a prima vista, talmente bello e sicuro
di sé da metterla in soggezione ma che spera, grazie alle lezioni di Massimo, di riuscire
a conquistare.
Cosa accadrebbe se invece, lezione dopo lezione, Massimo si accorgesse che non sta
soltanto trasmettendo delle semplici nozioni di anatomia e dintorni, ma è subentrato ben
altro? Qualcosa che l’orgoglio gli impone di non svelare?


Sinossi
Megan Isabel Cooper è costretta a trasferirsi a Miami Beach a causa dei vari impegni lavorativi del padre e a lasciare la casa in cui è cresciuta, che custodisce ricordi felici tra cui quello di sua madre.
Durante il viaggio, Megan viene colta da un attacco di panico: non sa se riuscirà a ricominciare tutto da capo, a smettere di soffrire o a dimenticare le sue colpe.
Quando, però, i suoi occhi si scontreranno con quelli di Scott Baker, il ragazzo più ambito del liceo, dallo sguardo furbo e dal sorriso letale, con centinaia di casini sulle spalle, niente potrà più essere dato per scontato.
Perché, nonostante l’odio che sembra scatenarsi tra di loro, un’attrazione incontrollabile li farà ritrovare, in un modo o in un altro, sempre più vicini.
Ma il destino è abbastanza potente da tenere insieme anime dannate come le loro?
Troppi dubbi, troppi problemi. Troppi volti tornati dal passato cercheranno di dividerli, troppi ricordi proveranno a trascinarli nuovamente verso il baratro, verso il buio.
Vivranno quel tipo di amore sudato, lottato, in cui si rischia di perdere il cuore, di impazzire, di farsi male, di ritornare a casa privi di forze.
A volte, però, l’amore non basta.
Ma non sempre è importante come certe storie vadano a finire, l’importante è che siano esistite.


Sinossi
Luz Torres è una giovane ragazza che non fa altro che lottare senza arrendersi davanti a nessun ostacolo. Nonostante sia la figlia dell'ambasciatore Torres, la vita con lei non è stata per niente clemente. Soprattutto dal giorno in cui la madre morì di parto, lasciandole un fratello da crescere.
Luz, ora ventenne, si ritrova con una vita vissuta a metà e con un mare di sogni ai quali ha
rinunciato per dedicarsi a Leo.
Tutto cambia quando riceve la lettera di ammissione ad Harvard e decide di tornare in America con la sua vecchia tata e il fratellino.
La paura per il cambiamento non è poca ma la voglia di riprendersi un pezzo di felicità e
soddisfazione dopo tutti i suoi sacrifici è grande. Quindi, Luz si troverà per un po' smarrita, ma poi uno scontro le aprirà le porte di una forte amicizia.
Si sa che da un contrasto possono nascere tantissime cose ma lei non immaginava di entrare in un gruppo che sarebbe diventato la sua famiglia, non immaginava di trovare due occhi che sembravano non aver altro scopo se non quello di riuscire a leggerla dentro.
Jacob William sarà una sfida per l'indomabile Luz. Sarà una presa di coscienza, una scoperta di emozioni e sentimenti che non aveva mai provato. Ma l'amore non è mai semplice, e come poteva esserlo se in questa storia i protagonisti sono due venti tanto forti da annullarsi o unirsi in qualcosa capace di fronteggiare il mondo intero?
Luz e Jacob, un amore travolgente, passionale, orgoglioso, indomabile e possessivo.


Sinossi
Trentadue anni, single e precaria. Non è decisamente questo che Laura ha sempre sognato per sé, ma una serie di sfortunate fatalità – compresi una famiglia ingombrante, degli amici voltafaccia e una tiepida relazione finita nel peggiore dei modi – l’hanno condotta al punto di preferire la solitudine più totale alle compagnie forzate. Una solitudine utile a guarire dal disamore che da sempre ha caratterizzato la sua esistenza e necessaria per rimettere insieme i frammenti di se stessa. Una solitudine che è un rifugio, un punto di partenza. Sì, perché Laura ha deciso di non accontentarsi e di provare a realizzare i suoi sogni, di rialzarsi in piedi e voltare pagina per diventare finalmente forte e indipendente. Di ghermire le sue paure e i suoi limiti per infrangerli una volta per tutte. Lei vuole di meglio dalla vita, vuole di più, ma lastrada per raggiungere la meta è lunga e solitaria, costellata di spiacevoli ricordi e intoppi, colpi bassi e litigate furibonde, falsi amici e sgradite sorprese. Il caso, però, stavolta è dalla parte di Laura, e alcuni fortuiti incontri renderanno quella strada meno solitaria, tingendola con i colori vivaci dell’amicizia, proprio quando Laura si era rassegnata alla solitudine. E anche l’amore, un giorno, entrerà delicatamente nel suo mondo. Riuscirà Laura ad amare ancora e a scacciare paura e solitudine da sé? Riuscirà a diventare forte come ha sempre desiderato? E riuscirà finalmente a perdonarsi e ad amare se stessa?

venerdì 11 gennaio 2019

Benvenuti nel nostro angolo

Titolo: Siracusa
Autore: Delia Ephron
Editore: Fazi Editore
Genere: Narrativa
Prezzo: Ebook 9.99 - Cartaceo 26.72


Sinossi
Due coppie vanno in vacanza insieme in Sicilia: Michael e Lizzie, raffinati newyorchesi, lui scrittore affermato e lei giornalista precaria; Finn e Taylor, lui ristoratore senza troppe pretese e lei donna glaciale e madre oppressiva, vengono dal Maine e viaggiano con la figlia Snow, una bambina strana e taciturna. Non si tratta di amici di vecchia data, anzi: la confidenza è scarsa. Un invito nato quasi per scherzo, durante una serata piacevole passata insieme, uno slancio di entusiasmo, e i quattro americani si ritrovano in vacanza insieme dall’altra parte dell’Atlantico. Ben presto spuntano gelosie e rivalità, bugie, attrazioni incrociate e antipatie neanche troppo celate. In una danza perfetta di luci e ombre, sotto il sole cocente di Siracusa cominciano a addensarsi zone oscure. Finché, a complicare ulteriormente le cose, spunta da lontano, ma si fa sempre più ingombrante, la presenza della giovane amante di Michael. E la vacanza prende una piega inaspettata… In un gioco di incastri congegnato in maniera sapiente, ognuno dei personaggi racconta la sua verità: quattro versioni diverse della stessa storia, che però inevitabilmente vanno a convergere verso un unico, tragico finale. Dalla sceneggiatrice di C’è posta per te, un imperdibile romanzo estivo in cui la commedia brillante americana assume un’intrigante sfumatura noir.

Recensione
Siracusa è un noir del tutto diverso, con uno stile narrativo eccellente e personaggi con tutte le inperfezioni e sfumature necessarie a renderli REALI.
Quattro versioni.
Una sola verità.
Perché tutti abbiamo una nostra verità,.
Ma, soprattutto, tutti abbiamo una nostra natura nascosta, pronta a venir fuori nel momento giusto.

Vi lasciamo con un estratto

"Nel nostro rapporto c’era tanta familiarità che non avevo bisogno che lei ci fosse perché ci fosse. Potevo supplire alle sue frasi, ai suoi pensieri"

Maria Capasso